Dott. Luigi Pignatelli

 

Home

Ipnosi Ericksoniana e Neo-Ericksoniana

Ipnosi Brasiliana

Ipnosi Regressiva

Ipnosi Non Verbale

Ipnosi Sciamanica

Ipnosi Simbolica

Ipnosi per il dolore

Ipnosi per smettere di fumare

P.N.L.

Psicologia del Profondo

Tecniche di Liberazione Emozionale

Chi sono

Contatti

 

 

 

 

Ipnosi Ericksoniana e Neo-Ericksoniana

 

L’ipnosi ericksoniana che prende il nome dal suo ideatore, il medico e psichiatra clinico Milton Erickson (1901-1980).

A Milton Erickson si deve l’intuizione che gli stati di trance non sono fenomeni straordinari ma eventi piuttosto frequenti e comuni a tutte le persone. Basti pensare con quale facilità e frequenza ci si possa astrarre dalla realtà circostante nel corso di una giornata; per esempio, quando si aspetta l’autobus o ci si lascia assorbire dalla lettura di un libro che ci piace particolarmente, oppure mentre guidiamo e nel frattempo la nostra attenzione segue i suoi pensieri mentre inconsciamente stiamo attenti al traffico.

L’approccio terapeutico moderno ericksoniano non è semplicemente finalizzato alla riduzione del sintomo o alla sua remissione. Piuttosto, esso è indirizzato alle cause più profonde del disturbo.

Nella sua evoluzione Neo-Ericksoniana essa tende a portare la persona verso il proprio positivo cambiamento.

Uno degli elementi fondamentali del suo pensiero fu la concezione dell’inconscio.  Freud, che ebbe una grossa influenza su molte scuole di terapia, considerava l’inconscio una sorta di spazzatura, qualcosa in cui erano racchiuse le nostre parti peggiori. Per Freud l’inconscio era il luogo dove risiedevano, nascosti alla coscienza, i nostri conflitti ed i nostri complessi (ad es. il complesso di Edipo).

Per Erickson, invece, l’inconscio è il luogo dove sono nascoste le nostre risorse, le nostre capacità acquisite nel tempo, le nostre parti capaci di guarirci dai nostri disturbi, elementi a cui spesso i pazienti non sono in grado di arrivarci coscientemente, ma attraverso l’ipnosi riescono a ricordarsi e a farle emergere; altre volte invece sono capacità, talenti, che neanche il paziente sa di avere.

 “Se ti rompi una gamba e l’ortopedico mette un gesso non è lui che ti guarisce l’osso. Ma sono gli osteoblasti e le cellule del tuo corpo che si riorganizzano, il gesso è servito solo come ambiente facilitante. Ecco cosa fa la psicoterapia ipnotica: facilita la spontanea auto-guarigione che è in ognuno di noi." (prof. Francesco Rovetto).
Perché le persone soffrono di problemi psicologici pur possedendo profondamente la capacità di star bene?

Spesso nel suo lavoro metteva in contatto il paziente con le sue risorse facendo riferimento ad esperienze da tutti condivise, e di come sia riuscito a superare le difficoltà incontrate nella vita, risorse che sono ancora dentro di lui e che può utilizzare per superare il suo problema.

Ad esempio, esperienze condivise da tutti sono:

  • Imparare a parlare
  • Imparare a camminare
  • Imparare a scrivere
  • Imparare a contare
  • Imparare a leggere

L’ipnosi Ericksoniana è sostanzialmente adatta al trattamento di qualsiasi disturbo di carattere psicologico.

 

 

Ipnosi e PNL
>