Dott. Luigi Pignatelli

 

Home

Ipnosi Ericksoniana e Neo-Ericksoniana

Ipnosi Brasiliana

Ipnosi Regressiva

Ipnosi Non Verbale

Ipnosi Sciamanica

Ipnosi Simbolica

Ipnosi per il dolore

Ipnosi per smettere di funare

P.N.L.

Psicologia del Profondo

Tecniche di Liberazione Emozionale

Chi sono

Contatti

 

 

 

Ipnosi per il dolore

Il pensiero, comune a molte persone, è che allo stesso danno subito corrisponda lo stesso dolore. Ma, se potessimo misurare il dolore percepito da ogni persona, ci renderemmo conto che non è così.

La stessa ferita inferta a due persone diverse corrisponde ad un “quantitativo” di dolore diverso. Questo dipende sia da aspetti fisiologici e neurofisiologici che psicologici.

Aspetti fisiologici e neurofisiologici:

  • Differenze di abitudine al dolore
  • Aspetti neurofisiologici: quando sentiamo un dolore si mettono in moto una serie di ormoni e neurotrasmettitori ne differenziano la percezione, oppure altri agenti chimici che possono aumentare la sensazione del dolore.

Aspetti psicologici che influenzano la percezione del dolore:

  • L’ansia
  • Lo stress
  • Il grado di paura del soggetto
  • Ciò che pensa il paziente rispetto al dolore sofferto
  • Il carattere, che può portare la persona ad avere una visione negativa della vita, oppure un carattere ottimista, che ha una visione più positiva della vita.

Una cosa che diceva Ippocrate, e che spesso non viene menzionata, è che “non è che malattia ha il paziente ma chi è quel paziente che ha la malattia”.

L’ipnosi è in grado di controllare, da sola o in associazione con farmaci, la maggior parte delle sindromi dolorose croniche e acute. Le principali indicazioni cliniche riguardano :  a) cefalee croniche primarie (e.g., cefalea di tipo tensivo ed emicrania) ; b) algie orofacciali (e.g., sindrome dell’articolazione temporo-mandibolare, bruxismo, ecc.) ; c) algie muscolo-scheletriche distrettuali (e.g., miofasciali) o diffuse (e.g., fibromialgia) ; d) mal di schiena aspecifico (ovvero non dipendente da patologie quali ernia discale, ecc.) ; e) dolore neuropatico (e.g., arto fantasma doloroso) ; f) dolore oncologico (nel quale l’ipnosi si configura come una vera e propria terapia palliativa in grado di controllare anche altri sintomi, quali nausea, depressione, ecc.) ; g) dolori viscerali e urogenitali ; h) dolore « psicogeno ».

 

Ipnosi e PNL